FAQ

Domande frequenti sui cambiamenti climatici

Usa questa guida per avere le migliori informazioni a portata di mano sulla sfida urgente del cambiamento climatico e su come possiamo risolverla lavorando insieme.

Ognuno di questi termini si riferisce alla stessa cosa: il fatto che la temperatura media dell'atmosfera terrestre è in aumento. Con l'aumento della temperatura, vari impatti stanno cambiando aspetti del nostro clima: estati più calde, aumento della temperatura degli oceani , scioglimento dei ghiacci polari, aumento dell'attività delle tempeste. Questi vanno oltre i semplici cambiamenti del tempo.
Man mano che questi impatti crescono in frequenza e gravità, creeranno crisi per le persone e la natura in tutto il mondo, e in molti casi lo hanno già fatto. Se non vengono controllati, questi impatti si diffonderanno e peggioreranno con l'estinzione di animali e la perdita di biodiversità (https://natura.legambiente.it/biodiversita/), carenza d'acqua e comunità sfollate.
Qualunque cosa tu scelga di chiamarlo, la cosa più importante è che agiamo per fermarlo.

Sì, oltre il 97% degli scienziati concorda sul fatto che gli esseri umani causano il cambiamento climatico. La combustione accelerata di combustibili fossili da parte dell'umanità e la deforestazione (le foreste sono parti fondamentali dei sistemi naturali di gestione del carbonio del pianeta https://natura.legambiente.it/le-foreste/) hanno portato a un rapido aumento dei gas serra nell'atmosfera e al riscaldamento globale.
Gli scienziati sanno da secoli che i gas nell'atmosfera terrestre come l'anidride carbonica e il metano agiscono come una serra, impedendo a una certa quantità di radiazione di calore di tornare nello spazio. Più anidride carbonica nell'atmosfera, più diventa calda.
Nel corso della storia della Terra, i livelli di anidride carbonica fluttuano a causa dell'attività vulcanica o del ciclo del carbonio (animali e batteri respirano ossigeno ed espirano anidride carbonica mentre le piante fanno il contrario).
Tuttavia, gli aumenti della temperatura e dei livelli di anidride carbonica che abbiamo visto nel secolo scorso sono estremi e stanno accelerando. Il tasso di emissioni di carbonio è il più alto degli ultimi 66 milioni di anni e si prevede che la quantità di riscaldamento nei prossimi decenni sarà 250 volte maggiore del riscaldamento medio del secolo scorso.

 

Le principali minacce del cambiamento climatico, derivanti dall'aumento della temperatura dell'atmosfera terrestre, includono l' innalzamento del livello del mare , il collasso dell'ecosistema e condizioni meteorologiche più frequenti e rigide.

L'aumento delle temperature dovuto alle emissioni di gas serra causate dall'uomo colpisce i sistemi dell'intero pianeta in vari modi. Ad esempio, riscalda le regioni polari e gli oceani , sciogliendo la copertura di ghiaccio ai poli e provocando l'innalzamento del livello del mare. Il cambiamento climatico colpisce gli habitat oceanici abbassando l’ossigeno, diminuendo il fitoplancton (piccole piante che fungono da base delle catene alimentari marine) e uccidendo le barriere coralline .

Il riscaldamento dell'atmosfera influisce sui modelli meteorologici, causando tempeste e siccità più frequenti e gravi in molte regioni del mondo. Temperature più elevate stanno influenzando la lunghezza delle stagioni e in alcuni luoghi stanno già attraversando livelli di sicurezza per gli ecosistemi e l'uomo.

Tutti questi impatti, e molti, molti altri, diventeranno più gravi se non agiamo per fermare le emissioni di gas serra.

Il cambiamento climatico direttamente e indirettamente causa stress agli animali di tutto il mondo. Molte specie si stanno avvicinando, o hanno già raggiunto, il limite di dove possono recarsi per trovare climi ospitali. Nelle regioni polari, animali come gli orsi polari che vivono sul ghiaccio polare stanno ora lottando per sopravvivere mentre il ghiaccio si scioglie.

Non è solo il modo in cui il cambiamento climatico colpisce direttamente un animale; si tratta di come il riscaldamento climatico influisce sull'ecosistema e sulla catena alimentare a cui l'animale si è adattato. Negli Stati Uniti e in Canada, le alci stanno lottando a causa dell'aumento di zecche e parassiti che sopravvivono agli inverni più brevi e miti .

In un altro caso, il salmone fa affidamento su fiumi freddi a flusso costante per deporre le uova. Poiché il cambiamento climatico altera la temperatura e il flusso di questi corsi d'acqua, alcune popolazioni di salmoni stanno diminuendo. Ciò colpisce molte specie che si affidano al salmone come le orche o gli orsi grizzly.

Sia negli oceani che sulla terraferma, i cambiamenti di temperatura e umidità stanno facendo migrare alcune specie alla ricerca di nuovi luoghi in cui vivere. Ad esempio, in Nord America, le specie stanno spostando i loro areali una media di 11 miglia a nord e 36 piedi più in alto ogni decennio per trovare condizioni più favorevoli. Gli Appalachi centrali sono una via di fuga climatica resiliente che può aiutare le specie ad adattarsi alle mutevoli condizioni.

Ci sono alcuni luoghi naturali con una diversità sufficiente di altitudine e geologia tale che quando il pianeta si riscalda, possono essere roccaforti resilienti per specie vegetali e animali . Queste roccaforti fungono da terreno fertile e banche di semi per molte piante e animali che altrimenti potrebbero non essere in grado di trovare l'habitat a causa del cambiamento climatico. Tuttavia, le roccaforti non sono un'opzione per tutte le specie e ad alcune piante e animali è impedito di raggiungere roccaforti dallo sviluppo umano come città, autostrade e terreni agricoli.

Da sistemi agricoli tesi a rendere le regioni meno abitabili, il cambiamento climatico sta colpendo le persone ovunque. Potresti aver notato come cambiano i modelli meteorologici vicino a te o come si stanno sviluppando tempeste più frequenti e violente in primavera. Forse la tua comunità sta vivendo inondazioni o incendi più gravi .

Molte aree stanno anche sperimentando " inondazioni in giornate di sole " poiché l'innalzamento del livello del mare provoca l'allagamento delle strade durante l'alta marea. In Alaska, alcune intere comunità costiere vengono spostate perché il livello del mare si è alzato al punto che la loro posizione originaria non è più abitabile.

Il cambiamento climatico esacerba anche la minaccia di conflitti causati dall'uomo derivante dalla scarsità di risorse come cibo e acqua che sono meno affidabili poiché le stagioni di crescita cambiano e le stagioni diventano meno prevedibili.

Molti di questi impatti si verificano in modo sproporzionato nelle comunità a basso reddito, indigene o emarginate. In tutto il mondo, molte delle nazioni più povere sono state colpite per prime e più gravemente dai cambiamenti climatici, anche se hanno contribuito molto meno all'aumento delle emissioni di carbonio che ha causato il riscaldamento in primo luogo.

Il riscaldamento delle temperature oceaniche sta sciogliendo i ghiacci https://www.legambiente.it/campagna/carovana-dei-ghiacciai/, spostando le correnti oceaniche e le migrazioni dei pesci e portando allo sbiancamento e all'estinzione dei coralli. A causa dell'importante ruolo degli oceani nella regolazione del clima terrestre assorbendo le emissioni di gas serra, stanno subendo un impatto diretto dai cambiamenti climatici.

Tutta questa anidride carbonica extra assorbita sta alterando la chimica dei nostri oceani, rendendoli più acidi. In effetti, il tasso di acidificazione degli oceani è il più alto degli ultimi 300 milioni di anni! Ciò ha un impatto negativo su molti habitat marini e animali, ma è una minaccia particolare per i molluschi che lottano per coltivare conchiglie poiché l'acqua diventa più acida.

Ci sono problemi più profondi in gioco. Quando la superficie dell'oceano si riscalda, è meno in grado di mescolarsi con l'acqua profonda e ricca di sostanze nutritive che limita la crescita del fitoplancton (piccole piante che fungono da base della rete alimentare marina). Questo a sua volta colpisce l'intera catena alimentare.

Ci sono anche alcune prove che il riscaldamento delle acque superficiali possa contribuire a rallentare le correnti oceaniche. Insieme, queste correnti agiscono come un gigantesco nastro trasportatore globale che trasporta il calore dai tropici verso i poli.

Questo nastro trasportatore è fondamentale per portare le acque ricche di nutrienti verso la superficie vicino ai poli dove si verificano gigantesche fioriture di rete alimentare che supportano fioriture di fitoplancton (questo è il motivo per cui l'Artico e l'Antartico sono noti per avere un'abbondanza così elevata di pesci e mammiferi marini).

Il cambiamento climatico sta sconvolgendo i modelli meteorologici, portando a siccità ed inondazioni più estreme e frequenti che minacciano direttamente i raccolti. Il riscaldamento climatico sta contribuendo all'aumento delle popolazioni di insetti nocivi che mangiano una quota maggiore dei raccolti https://agricoltura.legambiente.it/legambiente-agricoltura/

Negli Stati Uniti del Midwest, piogge più frequenti e intense hanno causato devastanti inondazioni primaverili, che ritardano, e talvolta impediscono, le attività di semina. Questi impatti rendono più difficile per gli agricoltori coltivare e sostenere i propri mezzi di sussistenza.

Tuttavia, gli agricoltori sono pronti a svolgere un ruolo significativo nell'affrontare il cambiamento climatico. I terreni agricoli sono tra i più grandi serbatoi naturali di carbonio della Terra e quando gli agricoltori utilizzano pratiche per la salute del suolo come colture di copertura, lavorazione ridotta e rotazione delle colture, possono estrarre ancora più carbonio dall'atmosfera.

Queste pratiche aiutano anche a migliorare la capacità di ritenzione idrica del suolo, che è benefica in quanto l'acqua può essere assorbita dal suolo dalle colture durante i periodi di siccità e durante forti piogge, il suolo può aiutare a ridurre le inondazioni e il deflusso rallentando il rilascio di acqua nei ruscelli.

 Suoli più sani possono anche migliorare i raccolti , aumentare la redditività degli agricoltori e ridurre l'erosione e il deflusso di fertilizzanti dai campi agricoli, il che a sua volta significa corsi d'acqua più puliti per le persone e la natura.

Sì, la deforestazione contribuisce al cambiamento climatico in un paio di modi. Le foreste sono uno dei nostri tipi più importanti di stoccaggio naturale del carbonio , quindi quando le foreste vengono abbattute, perdono la capacità di immagazzinare i gas serra. Gli alberi in fiamme rilasciano ancora più carbonio nell'atmosfera.

Le foreste sono alcune delle migliori "soluzioni per il clima naturale" che abbiamo su questo pianeta. Se riusciamo a rallentare o fermare la deforestazione e a gestire il territorio naturale in modo che sia sano, potremmo ottenere  fino a un terzo delle riduzioni delle emissioni necessarie entro il 2030 per evitare che le temperature globali salgano di  oltre 2°C (3,6°C).

Questo è l'equivalente del mondo che smette completamente di bruciare petrolio

Per evitare i peggiori impatti dei cambiamenti climatici, l'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) afferma che dobbiamo ridurre le emissioni di carbonio al punto da mantenere il riscaldamento globale a non più di 1,5 °C (~3 °F). Per farlo, come pianeta, dobbiamo impegnarci a raggiungere emissioni nette di carbonio pari a zero entro il 2050.

Non è un'impresa da poco e richiederà una serie di soluzioni applicate insieme, per raggiungere l'obiettivo. Dovremo allontanare tutti i settori della nostra economia dai combustibili fossili che emettono carbonio, aumentare il nostro uso di fonti di energia pulita come l'eolico e il solare, sfruttare la potenza della natura per catturare il carbonio e implementare tecnologie che catturano e immagazzinano il carbonio. Questa transizione avverrà molto più velocemente e in modo più conveniente se i governi stabiliranno un prezzo per l'intera economia del carbonio.

La nostra ricerca mostra anche che una corretta gestione del territorio di foreste e terreni agricoli, dette anche soluzioni per il clima naturale , può fornire fino a un terzo delle riduzioni delle emissioni necessarie per raggiungere l'obiettivo dell'accordo di Parigi sul clima di mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 1,5 gradi (o quasi). 3 gradi Fahrenheit) al di sopra dei livelli preindustriali.

La verità, tuttavia, è che anche se riusciremo a raggiungere con successo zero emissioni nette di carbonio entro il 2050, dovremo comunque affrontare gli impatti climatici dannosi, quindi la soluzione al cambiamento climatico deve includere anche misure per adattarsi agli impatti del riscaldamento globale.

È particolarmente importante aiutare le comunità più vulnerabili ad adattarsi agli impatti dei cambiamenti climatici. Ad esempio, gli abitanti delle isole del Pacifico e le comunità svantaggiate che vivono nelle zone basse di Houston, Miami o Jakarta sono i meno responsabili delle emissioni che causano il cambiamento climatico, ma hanno maggiori probabilità di subirne le conseguenze.

Per raggiungere gli obiettivi dell'accordo di Parigi del 2015 ed evitare i peggiori impatti del cambiamento climatico, dobbiamo aumentare di almeno nove volte l'energia rinnovabile rispetto a quella attuale. Ogni watt che possiamo trasferire dai combustibili fossili alle energie rinnovabili come l'energia eolica o solare è un passo nella giusta direzione.

La migliore scienza che abbiamo ci dice che per evitare i peggiori impatti del riscaldamento globale, dobbiamo raggiungere globalmente zero emissioni nette di carbonio entro il 2050. Per fare ciò, il mondo deve immediatamente identificare percorsi per ridurre le emissioni di carbonio di tutti i settori: trasporti, elettricità e industria. Ciò non può essere raggiunto senza un importante passaggio alle energie rinnovabili.

L'energia pulita e l'innovazione tecnologica non solo aiutano a mitigare il cambiamento climatico, ma creano anche posti di lavoro e supportano la crescita economica nelle comunità di tutto il mondo. Le energie rinnovabili come l'eolico e il solare hanno registrato una crescita notevole e enormi miglioramenti dei costi nell'ultimo decennio senza segni di rallentamento.

I prezzi stanno diminuendo rapidamente e l'energia rinnovabile sta diventando sempre più competitiva con i combustibili fossili in tutto il mondo. In alcuni luoghi, la nuova energia rinnovabile è già più economica che continuare a far funzionare vecchie centrali elettriche a combustibili fossili, inefficienti e sporche.

Se in questi anni l’Italia avesse investito con coraggio sullo sviluppo delle fonti rinnovabili, oggi non sarebbe così sotto scacco del gas russo e in più in generale non sarebbe così dipendente dalle fonti fossili. A parlar chiaro sono i dati elaborati dell’ing. Alex Sorokin che, incrociando le statistiche di Terna relative allo sviluppo delle FER nel triennio 2010-2013, ha fatto una proiezione al 2022. Se lo sviluppo delle FER (solare + eolico) fosse andato avanti con lo stesso incremento annuale medio registrato nel triennio 2010‐2013 (pari a 5.900 MW l’anno), oggi l’Italia avrebbe potuto ridurre i consumi di gas metano di 20 miliardi di metri cubi l’anno, riducendo le importazioni di gas dalla Russia del 70%.

In particolare in questi otto anni, a parità di capacità produttiva e di posti di lavoro nell’industria FER in quel triennio, il nostro Paese avrebbe potuto installare complessivamente al 2021, tra impianti solari ed eolici, almeno 50.000 MW, aggiuntivi a quelli oggi esistenti, mentre l’energia elettrica aggiuntiva ammonterebbe a +90 TWh (TeraWattore) l’anno. Quanto gas occorre per produrre 90 TWh/anno di energia elettrica? Ne occorrono 20 miliardi di metri cubi.

La verità è che non c'è una scadenza rigida e veloce tra l'azione per il clima e l'inazione. Alcuni studi e articoli suggeriscono che, a meno che non si compiano progressi significativi verso la decarbonizzazione (riducendo il carbonio dall'atmosfera e sostituendo i combustibili fossili nelle nostre economie) entro il 2030, potremmo trovarci di fronte a impatti climatici catastrofici che travolgerebbero le nostre comunità e rappresenterebbero una minaccia esistenziale per alcuni ecosistemi .

Non esiste una linea di demarcazione definitiva da cui possiamo proteggerci, si tratta invece di ridurre al minimo gli effetti del cambiamento climatico .

Ogni giorno che passa, stiamo rilasciando carbonio nell'atmosfera e aumentando il nostro rischio planetario. La maggior parte degli scienziati concorda sul fatto che dobbiamo iniziare a ridurre le emissioni di carbonio SUBITO per dare al nostro pianeta e alla nostra popolazione il futuro meno colpito.

Se non adottiamo ulteriori azioni per fermare gli impatti climatici che stiamo già sperimentando, è probabile che il pianeta vedrà le temperature globali aumentare di 2-4 °C (3-7 °F) entro la fine del secolo. Questo tipo di riscaldamento potrebbe portare allo scioglimento catastrofico delle calotte glaciali in Groenlandia e in Antartide, causando un innalzamento del livello del mare che inonderebbe la maggior parte delle principali città costiere del mondo.

La fauna che amiamo e il loro habitat saranno distrutti, portando all'estinzione di massa delle specie . Supertempeste, siccità e ondate di calore diventerebbero sempre più comuni e più estremi, portando a gravi crisi sanitarie e malattie.

La produzione agricola crollerebbe, portando probabilmente a carestie e carestie globali. L'approvvigionamento idrico scomparirebbe in tutto il mondo, rendendo alcune regioni quasi abitabili.

La buona notizia è che il cambiamento climatico non è un problema impossibile . Sappiamo cosa lo causa e cosa fare per fermarlo. Ci vorranno coraggio, ambizione e dettagli al di là degli annunci altisonanti.

Raggiungere zero emissioni nette di carbonio entro il 2050 è un obiettivo ambizioso, che richiederà uno sforzo sostanziale in ogni settore dell'economia. Non abbiamo molto tempo, ma se siamo preparati ad agire ora e ad agire insieme, possiamo ridurre sostanzialmente il tasso di riscaldamento globale e impedire che si verifichino i peggiori impatti del cambiamento climatico.

La cosa più incoraggiante è che l'economia a basse emissioni di carbonio che dobbiamo creare ci darà anche un'aria più pulita, migliori scelte energetiche, nuovi posti di lavoro e potrebbe persino farci risparmiare denaro. Allo stesso modo, molte delle soluzioni naturali di cui abbiamo bisogno per adattarci agli impatti dei cambiamenti climatici odierni vanno a vantaggio di tutti noi: aria e acqua più pulite, opportunità ricreative e posti di lavoro più naturali.

lifeclimaction.eu